#
#
SITO DEL CNSAS
Sei in: home » area stampa » news » esercitazione interregionale grava dei gentili
news
21/7/2019
Esercitazione interregionale "Grava dei Gentili"

COMUNICATO STAMPA

Aggiornamento - 21 luglio - ore 20:35

SANT’ANGELO A FASANELLA (SA) - Si è conclusa in mattinata l’esercitazione interregionale di soccorso speleologico presso la “Grava dei Gentili” grotta che si trova nel comune di Sant’Angelo a Fasanella (SA), all'interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, che ha impegnato il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dal 18 al 21 luglio 2019.

La Grava dei Gentili è un inghiottitoio profondo oltre 400 m, caratterizzato da stretti meandri con scorrimento d’acqua e che si sviluppa per circa 2.000 m tra piccoli e grandi salti verticali. Queste caratteristiche, ricorrenti nelle cavità carsiche dei Monti Alburni, hanno permesso di simulare un impegnativo intervento di soccorso che ha messo alla prova le squadre di tecnici che si sono susseguite nel lavoro di recupero.

La simulazione è iniziata con la posa di un cavo telefonico, steso tra il presidio esterno alla grotta ed il punto di avvio della simulazione, grazie al quale sono state garantite tutte le comunicazioni, tra le squadre impegnate nelle manovre di recupero e la direzione delle operazioni all'esterno.

Durante l’esercitazione è stata utilizzata la barella di nuova concezione - denominata Stratoclaster - che, appositamente studiata dalla Commissione Tecnica Speleologica del Soccorso Alpino e Speleologico, si distingue dalle precedenti perché scomponibile e quindi trasportabile più agevolmente attraverso i numerosi tratti particolarmente stretti, caratteristici di questa cavità.

Ottimo supporto all’aspetto sanitario dell’evento, è stato l’utilizzo del sistema  di trasmissione dati denominato Hermes, che ha permesso non solo comunicazioni audio-video tra interno ed esterno grotta, ma anche un consulto sanitario in diretta tra il medico che assisteva il ferito a grande profondità ed un 'altro situato in una struttura ospedaliera posta a centinaia di chilometri di distanza.

La manovra ha coinvolto circa un centinaio di persone tra tecnici e sanitari, che hanno operato ininterrottamente per oltre tre giorni per portare la barella in superficie, impegnando  una nutrita squadra di logisti, provenienti dalle varie regioni, che hanno garantito i pasti h24 alle squadre in partenza e di ritorno dalle operazioni di soccorso, collaborando inoltre attivamente alla gestione del campo base.

All’evento, organizzato dal Servizio Regionale della Campania, hanno contribuito le delegazioni di Lazio, Sicilia, Puglia, Marche, Abruzzo, Umbria, Sardegna e Calabria oltre ad una rappresentanza di Friuli Venezia-Giulia e Lombardia


COMUNICATO STAMPA

Aggiornamento - 19 luglio - ore 21:05

SANT’ANGELO A FASANELLA (SA) - Entra nel vivo l’esercitazione interregionale organizzata dalle delegazioni del centro-sud del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS). Presenti tecnici provenienti dai Servizi Regionali di Campania, Puglia, Marche, Umbria, Sardegna, Sicilia, Lazio, Abruzzo e una rappresentanza della Calabria.

La simulazione di intervento prevede il recupero di uno speleologo infortunato all’interno della grotta ‘Grava dei Gentili’, un inghiottitoio situato sul massiccio degli Alburni, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Le prime squadre di tecnici hanno predisposto il cavo telefonico per le comunicazioni fra interno ed esterno della cavità; contestualmente è iniziato l’attrezzamento per la manovra di recupero.

La barella, che ha iniziato la risalita verso l’uscita, si trova ad una distanza di 1450 m dall’ingresso della grotta, a una profondità di 400 m.

Tra le dotazioni in uso ai tecnici impegnati nell’esercitazione ci sono la barella di nuova concezione denominata StratoClaster e il sistema di trasmissione dati chiamato Hermes, che permetterà comunicazioni audio-video tra interno ed esterno grotta.


COMUNICATO STAMPA

19 luglio 2019 - ore 17:43

SANT’ANGELO A FASANELLA (SA) - Prende il via oggi, giovedì 18 luglio, l’ormai consueta esercitazione interregionale organizzata dalle delegazioni del centro-sud del Soccorso Speleologico del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS).

Fino a domenica 21 luglio, un centinaio di tecnici provenienti da varie regioni saranno impegnati nella simulazione di un intervento a grande profondità. Luogo dell’esercitazione sarà l’inghiottitoio “Grava dei Gentili”, che raggiunge oltre 400 m di profondità e si sviluppa per circa 2.000 m. La grotta è situata nel versante occidentale del massiccio degli Alburni, in Campania, nel territorio di Sant’Angelo a Fasanella (SA), all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

La cavità naturale presenta una morfologia alquanto impegnativa dovuta ai molteplici piccoli dislivelli che si interpongono a grandi pozzi verticali (il più lungo misura 50 m) e alla presenza di acqua.

Presenti molte delle commissioni del soccorso speleologico: Commissione Medica (Co.Med), Commissione Tecnica Speleologica (CTS) e Commissione Comunicazione e Documentazione (CCD).

La logistica dell’evento è affidata alle specifiche squadre logistiche delle regioni partecipanti.

Esercitazione interregionale di soccorso speleologico all'Abisso Grava dei Gentili presso Sant'Angelo a Fasanella (SA). In azione un centinaio di tecnici e sanitari CNSAS provenienti dalle Delegazioni di Campania, Lazio, Sicilia, Puglia, Marche, Abruzzo, Umbria, Sardegna e Calabria, Friuli Venezia-Giulia e Lombardia.
# # # # #
 
home
chi siamo
richiesta soccorso
attività
formazione
area stampa
media gallery
norme e leggi
link
contatti
area riservata
Corpo Nazionale Soccorso Alpino Speleologico - All Right reserved © 2010 - 2019 - Web agency Fuganti e ass.